Azzerare e ripartire

di Luca Aprea
articolo letto 327 volte
Foto

Livorno – Prima o poi doveva arrivare. La crisi tanto temuta alla fine si è abbattuta sugli amaranto in quel “minitorneo” di quattro partite, così come lo definì mister Sottil, tra la ripresa dalla sosta e il turno di riposo, in cui il Livorno ha infilato due pareggi e due sconfitte (entrambe all'Ardenza): uno score da retrocessione, non certo da capolista.

Il tecnico amaranto temeva la lunga pausa invernale e purtroppo è stato buon profeta. Tanti i motivi: il mercato, piaccia o no è così, qualche equilibrio l'ha fatto saltare. Il tormentone Diamanti ha diviso la piazza in due, l'indisciplinato Murilo che sembrava con la valigia in mano alla fine è rimasto e la difficile situazione di Giandonato e Borghese, quasi separati in casa dopo aver rifiutato la cessione, non ha aiutato. E dato che piove sul bagnato, a complicare le cose sono arrivati gli infortuni a raffica: le assenze di Pedrelli e, soprattutto, Maiorino si sono fatte sentire tantissimo.

E se la prima sosta, a conti fatti, è stata deleteria quella imposta dal turno di riposo appare provvidenziale. Una settimana in più per recuperare i giocatori fermi ai box, riordinare le idee, provare soluzioni nuove e dare un po' più di tempo ai nuovi arrivati per inserirsi e ritrovare la miglior forma. E' necessario fare tesoro degli errori, azzerare tutto e ripartire.

Con una consapevolezza: qualsiasi cosa accada domenica il Livorno ad Arezzo sarà ancora davanti a tutti. I pareggi di Siena e Pisa nel giorno della sconfitta contro il Pontedera, hanno infatti regalato al Livorno una consapevolezza di non poco conto: l'allarme è squillato forte e chiaro ma niente è compromesso. A patto di ricominciare subito a correre.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI