Quarto tempo. Re-start

di Emilio Guardavilla
articolo letto 636 volte
Foto

Gorgonzola – Finalmente Livorno! L’esclamativo è legittimo e liberatorio dopo ben cinque turni memorabili nei quali abbiamo dimenticato chi siamo e dove vogliamo arrivare. Cinque domeniche in cui siamo piombati in una deprimente assenza di gioco e di risultati soddisfacenti e che ci hanno fatto maledire quella sosta di fine anno come la più immane delle disgrazie. Ma nella provincia milanese il Livorno è tornato ad essere sé stesso e, finalmente, è tornato a fare quello per cui quest’anno è stato messo in campo: vincere. Una vittoria meritata e perentoria, netta ed indiscutibile, con un gol per tempo ed una sostanziale supremazia di campo e di palleggio. Il giusto epilogo per un ciclo che unanimemente vogliamo considerare chiuso.

In un sabato pomeriggio da incorniciare, il ritrovato Sottil, cambia tutto quello che si poteva cambiare ed indovina il modulo e gli uomini per riportare il sorriso sugli spalti e in città.

Dopo il tira e molla dei giorni scorsi, il mister è tornato più convinto e agguerrito che mai. Il suo primo scrupolo è quello di ringraziare i suoi ragazzi per la partita. Poi, senza nessuna remora, si gode i tre punti come tutti noi. – “Finalmente una grande prestazione e una grande vittoria con una squadra tosta”. Riguardo al cambio di modulo e di giocatori ribadisce un concetto ormai consolidato. – “Una svolta su tutto, bene chi ha giocato, bene chi è subentrato. Sono tutti titolari”. Nella squadra, è tornato ad apprezzare il fuoco dentro. L’inglesismo che usa per sintetizzare il momento è lungimirante. – “Re-start”.

Giana Erminio – Livorno 0 : 2


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy