Sala stampa. Breda: “Una delle gioie più grandi della mia carriera”

di Luca Aprea
Vedi letture
Roberto Breda
Roberto Breda

Padova – Clima disteso, sorrisi e battute. C'è aria di festa in casa amaranto. In sala stampa rimbalzano ancora cori e spumante provenienti dallo spogliatoio del Livorno ma il primo pensiero di mister Roberto Breda, grande protagonista di questa impresa, è per Luca Mazzoni: “Voglio dedicargli questa salvezza. Ci ha dato molto, ha attraversato un momento difficile a livello personale ma ci è rimasto vicino. Questo risultato è per lui”.

Il tecnico del Livorno poi analizza così questa sofferta stagione: “Il gruppo era buono, la speranza di raggiungere questo risultato c'era, altrimenti non avrei accettato l'incarico. Ho avuto la fortuna di lavorare con un grande gruppo di ragazzi, tutti si sono messi a disposizione per la causa. E mi riferisco soprattutto a chi ha avuto meno spazio: penso a Bogdan che dopo l'infortunio non è rientrato oppure a Gori che ha giocato poco ma a Foggia ha segnato quelli che per me sono i due gol piu importanti di tutto il campionato”.

“Quando ho pensato davvero di potercela fare? Probabilmente prima della sosta quando abbiamo battuto la Salernitana, poi purtroppo abbiamo avuto un netto calo rimettendo tutto in discussione, ma non ho mai pensato, neanche per un momento, di non riuscire a portare a casa la salvezza. Ci abbiamo sempre creduto. Sì – ammette il mister amaranto – per come è maturata e per il gruppo di giocatori con cui l'ho raggiunta è sicuramente una delle soddisfazioni più grandi della mia carriera”.

Sulla partita di oggi: “Nel primo tempo siamo andati bene, nella ripresa abbiamo avuto un calo, il Padova ha fatto un'ottima partita”. Poi, con un sorriso, arriva anche una confessione: “Quando ho fatto entrare Gori non sapevo ancora il risultato del Pescara!”

Il presidente Spinelli, presente a Padova, a fine gara l'ha confermato a gran voce ma sul suo futuro il tecnico prende tempo: “Adesso è presto, godiamoci questa grande gioia per un paio di giorni con serenità, poi ci sarà tempo per pensare alla prossima stagione”.