SEZIONI NOTIZIE

Terremoto Livorno, Spinelli "licenzia" molti giocatori

di Carlo Grandi
Vedi letture
Foto
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Livorno - Qualcuno direbbe finalmente, altri che il Livorno stia falsando il torneo. Ma è un vero e proprio terremoto quello che scuote il Livorno calcio in queste ore.

All'indomani dell'indecorosa prestazione contro il Venezia, Il club labronico ha infatti deciso di non prorogare i contratti ai giocatori in scadenza così come gli accordi con i tesserati in prestito. Una scelta clamorosa che il numero uno del Livorno Aldo Spinelli ha così commentato: "Andranno via tutti quei giocatori che hanno gli accordi in scadenza nella giornata di oggi - spiega - Oramai siamo in Serie C, prorogarli sarebbe stato solo uno spreco di denaro. Dopo la sconfitta di ieri (2-0 contro il Venezia, ndr) è inutile pensare ancora alla salvezza. I giocatori per terminare la stagione comunque non ci mancano. Via anche Filippini? No lui terminerà la stagione e poi vedremo cosa accadrà".

Una scelta drastica dettata dall'esasperazione nei confronti di un gruppo che ieri ancora una volta ha mostrato la più totale lontananza verso l'attaccamento alla maglia amaranto. Adesso a disposizione di mister Filippini restano i soli Bogdan, Di Gennaro, Agazzi, Porcino, Marsura, Murilo, Braken e Mazzeo. A questi otto saranno aggiunti A disposizione dei ragazzi del Settore Giovanile per scendere in campo con 11 giocatori e per comporre la panchina nelle ultime giornata del campionato cadetto.
Stiamo parlando di ben 18 giocatori che, come un fulmine a ciel sereno, sono stati avvertiti in mattinata dopo l'allenamento e hanno dovuto svuotare l'armadietto. Questo ha scatenato polemiche da parte della lega calcio e in particolare della procura federale, che ha aperto un procedimento di indagine per accertare il comportamento della società toscana e del presidente Aldo Spinelli. Il procedimento del procuratore Giuseppe Chinè vuole accertare l'eventuale violazione dei principi di lealtà e correttezza sportiva nonché delle pertinenti norme delle Noif, anche nell'ottica di garantire la regolare prosecuzione del campionato di Serie B.
Evidentemente gli organi federali non sono a conoscenza delle ultime prestazioni interne del Livorno, del quale si prega vengano resi edotti quanto prima (e buona visione ....) onde avere piena contezza dell'attuale disastrosa situazione del Livorno calcio e dei motivi di questo tanto drastico quanto sacrosanto gesto del presidente Spinelli.

Altre notizie
Lunedì 30 novembre 2020
19:06 Livorno Calcio Ex amaranto. Pillon sostituisce Gautieri alla Triestina 16:30 Livorno Calcio Quarto tempo. De gustibus 13:59 Basket Serie B. Il cuore non basta a Cecina contro Firenze, 69 a 73 10:21 Basket Serie B. Un gran primo tempo e la Libertas 1947 espugna Chiusi, 85 a 87
Domenica 29 novembre 2020
23:26 Livorno Calcio Livorno-Pontedera, le pagelle degli Amaranto 23:01 Editoriale Andamento lento 21:06 Livorno Calcio Sala stampa. Maraia: “Un punto importante su un campo difficile” 20:44 Livorno Calcio Sala stampa. Dal Canto: “Forse la nostra miglior partita” 19:40 Livorno Calcio Uno spento Livorno pareggia contro il Pontedera, 0 a 0 19:10 Livorno Calcio Heller: “La questione dei pagamenti è in via di risoluzione” 17:37 Livorno Calcio Diretta web. Livorno-Pontedera 0 a 0 (finale) 15:28 Livorno Calcio Ex amaranto. Breda nuovo allenatore del Pescara 10:26 Livorno Calcio Livorno-Pontedera, le probabili formazioni
Sabato 28 novembre 2020
18:48 Livorno Calcio Dal Canto: “Consapevoli dei problemi, salvezza unico obiettivo” 18:43 Livorno Calcio Livorno-Pontedera, i convocati. Out Marsura, Pallecchi e Braken 15:47 Livorno Calcio La presentazione. Livorno-Pontedera, il terzo derby sarà quello giusto? 15:18 Livorno Calcio Esclusiva. Heller: "Spero tutti ricapitalizzino, chi non vuole lo dica subito"
Venerdì 27 novembre 2020
22:12 Altro Calcio Winter Bank, Arezzo quasi in regola con una nuova fideiussione 16:19 Rugby Lions Amaranto, un collage contro la violenza sulle donne 15:10 Basket Pala Modigliani di nuovo a norma, Salvetti: "Erano fondi già a bilancio"